Archive for aprile, 2011

L’ELEGANZA DELLA LUMACA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Comments (1) »

Ricetta un po’ pesante ma “quando ce vò”

Gli ingredienti principali sono gli asparagi selvatici…

Considerate che io torno a casa stanca e verso le 9 di sera. Prima do da mangiare ai gattini che rompono veramente tanto i timpani (le scatolette bio me le portano delle ragazze carinissime http://www.dallaaallazampa.it/)

poi ci siamo noi (io e il mio compagno tunisino coattissimo che odia le verdure e si nutrirebbe solo di carne)

tempo a disposizione: massimo 30 minuti tutte le sere…non un minuto di più!

Solitamente a casa nostra non c’è nemmeno un limone e ci nutriamo di ciò che avanza al negozio…

Ma stasera ho portato gli asparagi selvatici dei fratelli favaro e le uova (bio si, ma scadute!)

e guardate che vi allestisco in nemmeno 20 minuti… primo e secondo!

1- sciacquo  gli asparagi e li metto in una lunga pentola a bollire per una decina di minuti con la testa in su

Nel frattempo

  • in una padella  metto a rosolare a fuoco basso  porro a rondelle e lardo a toccheti (di fausto fanelli), con le solite erbe aromatiche (che metto dappertutto) di http://www.casaledeipozzi.com/home.asp e dell’ olio extra vergine
  • sbatto 4 uova in una ciotola e ci aggiungo un pizzico di sale alle erbe
  • aggiungo alle uova un bel pezzo di stracchino stagionato a tocchetti di amelia  (www.melemangio.it)

A questo punto scolo gli asparagi al dente.

Metto gli asparagi  cotti su un tagliere e li taglio a tocchetti.

Una piccola parte la incorporo alle uova sbattute con lo stracchino

la restante l’aggiungo in padella con il lardo e copro col coperchio

A questo punto chiamo Larbi (il mio compagno) perché io NON SO fare la frittata!

Lui nemmeno si scomoda e mi urla di mettere un goccio d’olio su un padella

A quel punto il lampo di genio:

Siccome sul lavaggio dei piatti si innescano una serie di discussioni infinite

decido che è ora di spegnere il fuoco del lardo e svuotare tutto il contenuto in un’altra ciotola per riutilizzare la padella (l’unica buona che abbiamo!) dove metto un goccio d’olio e poi colo le uova sbattute con stracchino e asparagi

Mi resta solo da scolare la pasta e rimetterla nella sua pentola dove verso il lardo con gli asparagi

Richiamo Larbi  per “girare la frittata”, lui  la mette su un piatto, è bellissima:

Intanto scolo la pasta e la verso nella ciotola con pancetta e asparagi (e parmigiano)

et voila!

bon appetit!

Leave a comment »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: